DIARIO DAGLI STATES (1a parte)


Trascorso un mese, sono giunto ormai a metà di questa meravigliosa esperienza negli States, nella quale mi sono prefissato di migliorare l’inglese (importante non solo a livello professionale) e vedere dal vivo il calcio d’oltre oceano, curioso di scoprirne il livello e l’effetto sulla gente. Devo dire che l’impatto è stato davvero eccellente, in primo luogo perché mi sono stabilito vicino alla scuola di inglese nel quartiere di Cambridge, incantevole come del resto tutta la città di Boston, tra le più belle a mio avviso. Poi, perché tramite il mio agente Nicola Innocentin (ex giocatore del Boston), ho preso contatti con la dirigenza dei NY Red Bulls e sono andato ad assistere sia all’allenamento, in un centro sportivo all’avanguardia, che al match di campionato del giorno successivo contro il Montreal di Di Vaio.

Gigi Cagni con Thierry Henry

Gigi Cagni con Thierry Henry

Ciò chi mi è parso chiaro sin da subito e confermato poi dai dialoghi con allenatori e dirigenti di entrambe le squadre è che il calcio qui è in fortissima crescita. Già le statistiche dicono che a livello giovanile ha superato per partecipazione, sport molto più radicati da queste parti, come baseball, basket e football americano. Ma anche sul piano economico si percepisce il cambiamento, visto che è aumentato esponenzialmente il numero dei telespettatori paganti (ogni genere di spettacolo in tv qui è a pagamento).

NY Stadium

NY Stadium

A differenza dell’Italia, dove è in regresso sotto tutti gli aspetti, il calcio nei “nuovi paesi”, come gli Stati Uniti, è invece in netta espansione. L’unico problema qui è creare un collegamento tra le giovanili dei college ed il professionismo, ovviamente si stanno attrezzando per colmare questo gap del sistema, con il tipico pragmatismo americano, senza fretta, con risorse ed organizzazione, già.. QUI PIANIFICANO!

Lo Stadio dei Red Bulls è splendido (Di Vaio mi ha detto che sono tutti belli qui), e già l’atmosfera mi ha fatto emozionare, prima l’inno canadese, applaudito dall’intero stadio e poi tutti in piedi con la mano sul petto per quello americano.. brividi.

NY Stadium

NY Stadium

Poco mi ci è voluto dopo il fischio di inizio per capire che il calcio giocato è senz’altro lento, tatticamente inferiore al nostro, poco aggressivo, tecnico. Ma la partita scorre piacevole, grazie anche al pubblico, che si esalta per qualsiasi azione offensiva o difensiva, dal tiro sbilenco alla riconquista della palla.

L’assenza di stress è dovuta oltre al fatto che in MLS non ci sono retrocessioni anche al prezioso concetto, da noi perduto, che per costruire qualcosa di buono occorrono tempo e pazienza.

Per la cronaca, allo svantaggio di NY (poi vittoriosa) non è volato nemmeno un commento di disappunto dagli spalti, quindi non sto neanche a dire dell’assenza di violenza..

Tornando a casa, persino il tassista, appassionato di sport, mi ha confermato quello che mi sono sentito dire da tutti gli addetti ai lavori di qui: “soccer is growing”.

To be continued..

Gigi Cagni

New York vista dall'hotel

New York vista dall’hotel

 

Advertisements

12 risposte a DIARIO DAGLI STATES (1a parte)

  1. Pure Select Review ha detto:

    It’s an remarkable article in favor of all the online viewers; they
    will obtain benefit from it I am sure.

  2. I am truly grateful to the owner of this web page who has shared this
    impressive article at here.

  3. We’re a group of volunteers and starting a new scheme in our community.

    Your website offered us with valuable information to work on. You have done an impressive job and our
    whole community will be grateful to you.

  4. Hurrah, that’s what I was looking for, what a data!
    present here at this website, thanks admin of this site.

  5. Seo experts ha detto:

    Good day very nice blog!! Guy .. Beautiful .. Amazing .. I
    will bookmark your web site and take the feeds
    also? I’m satisfied to seek out so many useful information right here in the submit, we’d like work out extra techniques on this regard,
    thank you for sharing. . . . . .

  6. Hi would you mind leting me know which hosting company you’re utilizing?
    I’ve loaded your blog in 3 different web browsers and I
    must say this blog loads a lot quicker then most.
    Can you suggest a good internet hosting provider at a reasonable price?
    Thanks, I appreciate it!

  7. This is very interesting, You are a very skilled blogger.
    I’ve joined your rss feed and look forward to seeking more of your great
    post. Also, I’ve shared your website in my social networks!

  8. Gigi ha detto:

    Thank for your appreciation.

  9. twitter.com ha detto:

    I think this is one of the such a lot significant info for me.
    And i am glad studying your article. But want to observation on some normal
    things, The web site style is ideal, the articles is in point of fact nice :
    D. Excellent job, cheers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: